RSSAuthor Archive for Elisabetta Iafrate

La pianta del mese: Rosmarino

La pianta del mese: Rosmarino

Il rosmarino, pianta mediterranea per eccellenza, è ampiamente diffuso sul nostro territorio e cresce, sia in vaso che  in terra, senza bisogno di particolari cure.
In fitoterapia si usa come infuso per curare le dispepsie e i disturbi della cistifellea e come tintura, sempre come digestivo. L’olio essenziale ha un particolare potere eccitante e antidepressivo: per questo va usato con grande cautela.

Uso

 ‎In cucina: 

Le foglie possono essere utilizzate sia fresche che essiccate.
Essendo una pianta così diffusa, viene usata per molti piatti. Se si pensa che durante la masticazione, le foglie di rosmarino possano disturbare, meglio metterle in una garza o in un contenitore per infusi (esempio pallina in metallo per te), soprattutto quando si usa nei brodi o nelle minestre.

  • Le carni, specialmente le carni rosse o le carni da mettere al forno come l’abbacchio, possono essere “rotolate” in un trito di rosmarino, salvia e aglio e lasciate ad insaporire per qualche ora, prima della cottura
  • nelle marinature (con olio e succo di limone) in cui vengono immersi carne bianca o filetti di pesce prima delle cottura, possibilmente per qualche ora
  • utile per cuocere i legumi perché diminuisce i disturbi intestinali per la formazione dei gas
  • per insaporire le patate al forno, la pizza bianca, la focaccia, la farinata di ceci
  • per aromatizzare le minestre, le zuppe e i passati di verdura o di legumi

Si può aromatizzare l’olio di oliva e usarlo a crudo sulla carne o sul pesce.
Si può usare per aromatizzare il sale, mettendo le foglie fresche in un vasetto con il sale grosso e lasciarlo chiuso per qualche settimana.

L'ingrediente del mese: Cipolla

L’ingrediente del mese: Cipolla

Cipolle Gratinate
Ingredienti (4 pers.): 4 cipolle da forno, pane grattugiato, sale, pepe, parmigiano, olio e.v.o, prezzemolo
Preparazione:
Pulite le cipolle e dividetele a metà nel senso della rotondità. In una ciotolina mettete il pane grattugiato con il sale, pepe, una manciata di prezzemolo tritato finemente, un cucchiaio di parmigiano e olio e.v.o quanto basta per inumidire il pane grattugiato, mescolate bene. Salate leggermente le cipolle e ungetele con un filino di olio. Cospargete le mezze cipolle con il composto di pane grattugiato e infornatele a 200° per 40 min. circa. Devono risultare ben dorate in superficie e morbide all’interno. Se occorre fatele cuocere ancora un po’. Servite calde o fredde.

Oppure potete sbollentarle prima in acqua e aceto, come in questa ricetta su Giallo Zafferano

L'ingrediente del mese: Cipolla

L’ingrediente del mese: Cipolla

Chi non si è mai sentito consigliare come utilizzarla per curarsi?

  • La cipolla è uno degli alimenti più usati dalla tradizione popolare per curare tosse, febbre, mal di testa, vermi, diarrea, ipertensione.  
  • Può essere utile in caso di perdita di appetito e come digestivo. L’effetto più comune, quasi banale da riferire, è quello diuretico, e per la prevenzione dei disturbi prostatici. 
  • Ha dimostrato l’attività antispastica e di prevenzione dell’iper-reattività bronchiale, è adatta ai soggetti asmatici.
  • Le sperimentazioni hanno confermato l’effetto protettivo contro le malattie infettive batteriche, virali e sulle micosi.
  • L’estratto di cipolla è capace di inibire l’aggregazione piastrinica. però si consiglia di utilizzare cipolle crude, cotte velocemente (meno di tre min.) o bollite (fino a sei min.). Alcuni tipi di cipolle non interferiscono con la vitamina K perciò, a differenza di porri o di cipolline fresche verdi, possono essere consumate anche da chi è in terapia con cumarine. 
  • Può diminuire i livelli di colesterolo e di trigliceridi nel sangue. Effetti benefici sono stati studiati anche nella prevenzione e nella cura del diabete. Numerosi studi hanno affrontato il problema della prevenzione tumorale, ipotizzando un effetti preventivo per tumore ovarico, al colon, alla laringe e alla prostata.
  • Controindicazioni: solo per chi soffre di reflusso gastroesofageo, sindrome dell’intestino irritabile e per pochi allergici. 
Per approfondire: La Scuola di Ancel
L'ingrediente del mese: il Limone

L’ingrediente del mese: il Limone

POLLO AL LIMONE PICCANTE

Ingredienti: Pollo a pezzi, 2 limoni, timo, 5 cipollotti,  peperoncino fresco piccante, vino bianco secco,  olio extravergine d’oliva, sale
Preparazione:
Dopo aver pelato i limoni e ridotta la buccia a filetti, tagliateli a fettine. Fate marinare per 2 ore, in una pirofila, il pollo
a pezzi, con le fettine di limone, un poco di buccia, un peperoncino privato dei semi, 4 cipollotti a rondelle, 1/2 bicchiere di vino e un filo d’olio, quindi passate la pirofila in forno a 200 °C per circa 30′. Guarnite con filetti di buccia di limone. 

Proprio non mi ricordo dove l’ho copiata! Se qualcuno la riconosce come sua, mi scriva e aggiungo il link. Grazie!

La pianta del mese: Limone

La pianta del mese: Limone

Il limone, grazie alle sue svariate proprietà, viene largamente utilizzato a scopi terapeutici e alimentari. I benefici del limone provengono sia dall’uso del succo, che della buccia (ovviamente non trattata chimicamente).

✓ Proprietà antiossidanti e antiinfiammatorie
✓ Favorisce la digestione, è dissetante e rinfrescante
‎✓ Contrasta la formazione dei calcoli
‎✓ Esplica attività antibatterica e antimicrobica
‎✓ Aumenta le difese immunitarie

Uso:

Tra le numerosissime applicazioni, ricordo  solo…

Acqua e limone

Un limone a fettine (buccia compresa, ovviamente ben lavata) in un litro di acqua. Lasciare qualche ora, anche in frigorifero, per avere una bevanda estiva naturalmente senza calorie

Infuso: 

una scorza di buccia di limone non trattato, semi di cumino, coriandolo, anice (un cucchiaio per tazza) in una tazza d’acqua bollente. Lasciare 5 minuti, filtrare e bere
ottimo per i gas intestinali
un limone fresco spermuto in un bicchiere d’acqua, si fa bollire finché non si riduce il liquido della metà. Bere al mattino. Aiuta per dolori articolari

‎In cucina: 

Essendo una pianta così diffusa, viene usata per molti piatti:
  • a fettine o spicchi (con la buccia) nella pancia del pesce, prima di metterlo in forno
  • nelle marinature (olio e succo di limone) in cui vengono immersi carne bianca o filetti di pesce prima delle cottura, possibilmente per qualche ora
  • poche gocce, aggiunte in tavola su carne e pesce, aumentano l’assorbimento del ferro, su fritture ne aumentano la digeribilità 
  • la buccia di limone gratuggiata può essere aggiunta al pagrattato in tutte le preparazioni che ne prevedono l’uso, per esempio per la preparzione di filetti di pesce gratinati
  • prima della cottura dei carciofi è opportuno metterli a bagno in acqua e limone per evitare che anneriscano
  • un limone interopuò essere inserito bell’acqua della cottura al vapore di pesce e carni bianche
  • per condire insalata o verdura lessata: miscelare un cucchiaio di olio con un cucchiaio di succo di limone e condire .

Per approfondire:

L'ingrediente del mese: Alloro

L’ingrediente del mese: Alloro

Sgombri su foglie di alloro

Ingredienti (4 persone): 4 sgombri, foglie di alloro, 2 spicchi di aglio, 2 cucchiaio succo di limone, 1 cucchiaio di olio evo, sale
Preparazione
Lavate bene gli sgombri sotto l’acqua corrente e asciugateli. Prendete una teglia da forno e fate un letto di foglie di alloro, adagiatevi sopra gli sgombri.
Riempiteli con una foglia di alloro e uno spicchio di aglio tagliato a metà e un pò di sale. Cospargeteli con un olio EVO mescolato con limone.
Infornate a 200° per una ventina di minuti circa. L’alloro invaderà la cucina di un odore piacevolissimo e darà alla carne dello sgombro quel sapore in più.

 Mi sono ispirata alla ricetta di   PETITCHEF 

La pianta del mese: Alloro

La pianta del mese: Alloro

Laurus nobilis L.
Pianta estremamente comune nei nostri climi, cresce in vaso o in terra.
Si trovano facilmente le foglie (in vendita in molti reparti di frutta e verdura) pronte per essere utilizzate in cucina, 
La stagione migliore per la raccolta delle foglie è la fine della primavera/inizio dell’estate, ma essendo una pianta sempreverde, possono essere raccolte tutto l’anno, anche se le presenza di oli essenziali è ridotta, ma sufficiente per la cucina. Le foglie possono anche lasciate seccare in casa.

Infuso:

3-4 foglie di alloro, una scorza di buccia di limone non trattato in una tazza d’acqua bollente. Lasciare 10 minuti, filtrare e bere
ottima per la digestione e per i gas intestinali

In cucina:

Essendo una pianta così diffusa, viene usata per molti piatti, per insaporirli o per renderli più digeribili.

  • nella pancia del pesce, prima di metterlo in forno
  • in padella, leggermente rosolato nell’olio, finchè non sprigiona il profumo, prima di cuocere carne di maiale
  • nelle marinature (vino, olio mescolati) in cui vengono immersi carne bianca o filetti di pesce prima delle cottura, possibilmente per qualche ora
  • nell’arrosto di maiale o di vitellone, inserito sotto la retina
  • nella preparazione delle carni brasate, può aggiunto al vino insieme ad altri aromi, in cui vengono lasciate immerse almeno una notte
  • nella cottura dei legumi, aiuta ad evitare la formazione di gas intestinali

Per approfondire:

Zuppa di patate alla toscana

Zuppa di patate alla toscana

Perché eliminare le patate dalla dieta? In realtà sono un alimento ideale per chi fa sport, ma anche per chi vuol perdere peso e soprattutto per chi soffre di celiachia.
Per esempio in questa zuppa autunnale.

INGREDIENTI (per 4 persone):
1 kg di patate a pasta gialla,1 cipolla, 1 carota, 1 gambo di sedano, 200 g di pomodori pelati, 1 foglia di alloro, 4 cucch. di olio di oliva extra vergine, 1 cucch. di prezzemolo tritato, 4 cucch. di pecorino, sale, peperoncino, brodo vegetale

Trovate la ricetta completa su cucinanaturale

Crema di ceci con stracchino, crudo e rucola

Crema di ceci con stracchino, crudo e rucola

Può essere un piatto unico estivo, seguito da una bella insalata. Oppure, in proporzioni ridotte, un antipasto sfizioso.
Il prosciutto può essere sostituito da salmone affumicato, per un pasto vegetariano.

Ingredienti (4 persone): 200 g ceci secchi (o 250 g di ceci lessati), 1 piccola cipolla bionda, 2 chiodi di garofano, 1 pezz. di stecca di cannella, pepe, 2 spicchi aglio, 1 mazzetto rucola, 80 g prosciutto crudo tagliato in una fetta spessa, 100 g stracchino, 1 cucc.no di concentrato di pomodoro, olio extravergine d’oliva, sale, pepe

Preparazione:
Dopo aver cotto i ceci con i diversi aromi, sgocciolateli, eliminando gli aromi, e frullateli con un po’ di olio, il concentrato di pomodoro, l’aglio rimasto, sale e pepe e acqua calda quanto basta per ottenere un purè.
Mettete il purè di ceci in 4 bicchieri di vetro, aggiungete uno strato di stracchino a pezzetti e completate con il prosciutto e la rucola.
Trovate la ricetta dettagliata su: Procedimento

Zucchine ripiene con ricotta e pomodori secci

Zucchine ripiene con ricotta e pomodori secci

Un altro classico estivo, rivisitato in versione light e vegetariana. Sostituendo la ricotta con il tofu, è adatto anche ai vegani.

Ingredienti per 4 persone: 8 zucchine lunghe, 250 g di ricotta, 5 pomodori secchi (rinvenuti in acqua), 2 cucc. di olive denocciolate, 2 cucc. di capperi dissalati, 3 cucc. di olio E.V.O, timo, origano, sale q.b., pan grattato q.b.

Preparazione:
Pulire ed eliminare le due estremità delle zucchine. Tagliarle a metà nel senso della lunghezza e scavare la parte centrale.
Tuffarle per un minuto in acqua bollente leggermente salata. Scolarle, asciugarle e posizionarle in una teglia con carta da forno.

Nel frattempo creare il ripieno mescolando la ricotta con i pomodori, le olive e i capperi ( tutti tritati finemente), aggiungere l’olio, il timo, l’origano e poco pangrattato. Aggiustare di sale. Riempire le zucchine con il composto preparato. Spolverizzare di pangrattato in superficie, oliare ed infornare a 170° finchè non doreranno.
Questa viene da PETITCHEF  dove trovate altri dettagli.